Annunci

Giovani talenti – Thomas Valenti

Viene da Rimini, anzi “abito in un piccolo paese che si chiama Villa Verucchio”. Il panorama però non è marittimo, al limite fluviale, ma l’orizzonte naturale è la sagoma del Monte Titano anche se, la sua nazionale ideale è azzurra.Thomas Valenti
Sempre al vertice in regione la scorsa stagione tra gli esordienti, è stato il protagonista della spedizione regionale a Rovereto 2015.
Quest’anno poi al cambio di categoria è subito partito bene, abbiamo trovato un altro futuro top backstroker?
Per la serie giovani talenti, anche se ancora una volta al maschile, Vaporidicloro incontra un tipo che pare abbia le idee molto chiare e non ama tanto le foto che lo ritraggono: Thomas Valenti.

VdC – ciao Thomas partendo dall’inizio… cosa ti ha portato in vasca?
Thomas: Sono entrato in vasca quando avevo 3 mesi per problemi di salute…poi da li non ho più smesso.
La mia prima insegnante disse ai miei genitori che quello era il mio sport, mi muovevo naturalmente con il movimento natatorio del delfino. Mi sono sempre più appassionato anche perché ho trovato sempre un gruppo di amici con cui affrontare ogni giorno sfide diverse. Dopo essere entrato a far parte della squadra agonistica della Gens Aquatica con Michela Gregoroni, ad un certo punto sulla mia strada ho incontrato Yari (Caveduri n.d.r.) con il quale negli anni, perché parliamo dal 2009 al 2015, ho instaurato una bellissima collaborazione, nonostante all’ inizio non sia stato proprio tutta rose e fiori. A me piaceva nuotare a delfino e a stile, mentre lui mi vedeva più portato nel dorso. Alla fine bisogna dire che ha avuto ragione lui. Il dorso è veramente nelle mie corde.

VdC – Diamo per scontato tu sia solo dorsista, anche se non è così visto che ce lo hai appena detto. Forse un poco di astio per la rana.
T: Le mie specialità? 50/100/200 stile libero, 50/100/200 dorso, 50/100 delfino e 200 mx. Secondo me la rana è lo stile più bello (dopo il delfino) e avrei desiderato molto diventare ranista, ma come si vede non sono portato… e non ho un fisico da ranista. Però la sto migliorando perché nei misti è il fulcro della gara

VdC – se non avessi nuotato avrei fatto…
T: Sicuramente non avrei fatto uno sport di squadra, sono troppo individualista. Non riesco a pensare altro che al nuoto, anche se gli sport in generale mi piacciono un po’ tutti.
…forse avrei potuto fare ciclismo su strada perché sono molto appassionato di biciclette e del suo sport.

VdC – Fino alla scorsa stagione con Yari quest’anno il coach è Luca Corsetti? Che differenze stai scoprendo?
T: Per me questo primo periodo di cambio categoria è stato molto difficile. Mi sono ritrovato dopo 6 anni trascorsi insieme, senza Yari, punto di riferimento enorme per la mia crescita. Avevo creato un feeling bellissimo con lui, sapeva come prendermi e tirare fuori il meglio di me. Anche nei momenti difficili quando ho avuto problemi di salute lui ha saputo sostenermi e spronarmi per ritornare più forte di prima.
Con Luca Corsetti ho lavorato solamente per circa un mese.
A dire la verità faccio fatica a trovare le differenze, troppo poco tempo passato insieme. Per me Yari è Yari, punto. Adesso mi alleno con Maurizio Coconi e Andrea Bartolini, spero un giorno di poter creare anche con loro un buon feeling.

VdC – La stagione 2014-15 si è conclusa: come la valutiamo? Quali sono i tuoi programmi per questa stagione
T: La passata stagione è stata ricca di soddisfazione, non potevo chiedere di più. Il mio obiettivo più grande era la convocazione a Rovereto. E comunque non mi sarei mai aspettato ciò che ho ottenuto per la mia regione. Tornare a casa con 3 medaglie mi ha ripagato di tutti i sacrifici fatti in questi anni, ma altrettanto mi ha reso felice poter concludere il mio percorso da esordiente insieme al mio allenatore. Posso considerarla come un 200 stile in progressione. Per questa stagione non vorrei svelare in miei obiettivi per pura scaramanzia, ma sicuramente sono quelli di tutti i nuotatori della mia età.

VdC – Com’è da dorsista dividere la corsia con Simone Sabbioni?
T: Per quel che ci siamo allenati insieme, avere a fianco a me il più grande dorsista italiano del momento che ho seguito durante i mondiali di Kazan, posso dire che è stata una bellissima occasione. Quando nuoti con lui senti uno spostamento di acqua enorme. Una vera soddisfazione nuotare al suo fianco il mio stile preferito.

VdC – Cosa consiglieresti a quelli che iniziano il percorso agonistico?
T: Darei questo consiglio: pensateci bene. Il motivo? Perché questo sport, se lo vuoi fare bene, richiede enormi sacrifici e rinunce.

VdC – In tutte le squadre, tra i compagni tutti hanno un socio: Cip e Ciop, Ale e Franz… hai un/una compagno/a di malefatte?
T: Non ho un compagno di malefatte, ho solo un compagno con cui in questi anni ho diviso la fatica, colui che ci siamo sostenuti nei momenti di crisi: Giacomo Casadei. Comunque mi trovo bene con tutti i miei compagni di squadra, solo che a lui sono più legato in quanto ci siamo allenati insieme ogni giorno in questi ultimi 5 anni. Sicuramente non siamo due “santi”, ogni tanto abbiamo combinato anche noi qualche marachella.

VdC – niente trattati sull’alimentazione, ma qual è il tuo rapporto con il cibo?
T: Premetto che adoro mangiare, non farei altro tutto il giorno, però mi rendo conto che questo sport richiede una sana e corretta alimentazione per affrontare gli allenamenti giornalieri. Non so resistere solo ad una cosa: il mascarpone. E’ una dolce tentazione. Per il resto cerco di rispettare un certo tipo di alimentazione per ottenere il massimo negli allenamenti e nelle gare, perché penso che questo possa aiutare molto.

VdC – la domanda fissa: ma tu un divano non l’hai mai stancato?
T: Il mio divano lo conosco poco, tra scuola e allenamenti non mi rimane tanto tempo. Sicuramente in estate recupero ciò che in inverno non faccio. Quindi lo affondo.Thomas e Yari

VdC – dichiara qualcosa che non ha mai rilasciato in altre interviste
T: Non posso rilasciare niente di più perché per me questa è la prima intervista che rilascio…anzi mi emoziona molto sta cosa. Colgo l’ occasione per ringraziare il mio allenatore Yari Caveduri che mi ha portato ad essere quello che sono oggi: GRAZIE YARI!!!

VdC – conclusioni e desideri
T: Vi ringrazio per avermi dato questa occasione di farmi conoscere. Spero tanto di percorrere una buona stagione anche quest’ anno e di raggiungere gli obiettivi posti e condivisi all’ inizio stagione con i miei nuovi allenatori.

Annunci

Tag:, , , , , ,

2 responses to “Giovani talenti – Thomas Valenti”

  1. DanyCocco18181818DanyRondo99999999 says :

    THOMAS SEI UN GRANDE !!….
    Madonna !! Emozionato vero ????★★★★♥♥♥♥

  2. Nicola Vassena says :

    Bravo Tommy❤️

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: